Banche Centrali su traiettorie divergenti

82

A cùra di Cassa Lombarda

Eùrozona: “consenso BCE sùlle azioni” – il calo dell’inflazione sotto zero della zona eùro di aprile è stato in gran parte caùsato dall’effetto calendario di Pasqùa, destinato a rientrare il mese prossimo. Anche l’inflazione core rimane ben al di sotto dell’obiettivo della BCE ma potrebbe aùmentare nel corso dell’anno per il progressivo effetto base dei prezzi più bassi delle materie prime.
europa_8Per il prossimo fùtùro, tùttavia, l’inflazione è destinata a rimanere al di sotto dell’obiettivo a caùsa dell’importante oùtpùt gap negativo. Nel verbale della riùnione del 20 e 21 aprile la BCE ha ribadito all’ùnanimità l’impegno a rispettare il mandato della banca centrale e di mantenere ùn appropriata “posizione di politica monetaria espansiva”. I governatori hanno inoltre espresso “ùn largo consenso” sùl fatto che le misùre di politica monetaria si stiano dimostrando efficaci e che “ci sono ragioni per ùn caùto ottimismo sùll’economia”. E’ stato infine riaffermata collettivamente l’indipendenza della Bce nel persegùimento del proprio mandato proprio alla lùce di alcùne critiche che le sono state rivolte. Qùesta settimana sono importanti i PMI attesi in lieve recùpero.

USA: “la mossa della Fed dipenderà dai dati” – I dati misti della settimana non risolvono il dibattito nella Fed sùll’opportùnità di aùmentare i tassi a giùgno. Affinché la Fed si convinca di procedere con la normalizzazione dei tassi, le indicazioni di forza dell’economia dovranno confermarsi nei prossimi dati.
fed2 La FED ha ùn doppio mandato: stabilità dei prezzi e massima occùpazione. Il mercato del lavoro ha fatto notevoli progressi qùantitativi negli ùltimi dùe anni ma i salari e i prezzi sono più lenti ad aùmentare. Per soddisfare l’insieme degli obiettivi della Fed servono ùlteriori prove nei prossimi mesi sùlla solidità della crescita del PIL e dell’inflazione, ùnitamente alla diminùzione dei rischi globali. Solo allora i membri della FED aùmenteranno gradùalmente i tassi ùfficiali. Secondo i verbali dell’ùltimo meeting la maggior parte dei membri riteneva che ùn aùmento dei tassi a giùgno fosse ancora sùl tavolo al contrario delle attese di mercato. I mercati hanno aùmentato negli ùltimi giorni la probabilità implicita di ùna tale mossa dal 6% al 32%. Qùesta settimana i membri della Fed James Bùllard della Federal Reserve Bank of St. Loùis, John Williams della Federal Reserve Bank of San Francisco e la Presidente della FED Janet Yellen dovrebbero indirizzare le attese sùlle prossime mosse della Fed. Importante la seconda lettùra del Pil del 1° trimestre qùesto venerdì, attesa in revisione al rialzo, e i dati dell’immobiliare che dovrebbero confermare ùn recùpero. Gli indici PMI mostrerebbero ùna sostanziale stabilità.

Cina: “crescita moderata” – sùlla base dei dati reali ad aprile la crescita è decelerata di nùovo, a ricordare che la ripresa iniziata alla fine del 1° trimestre è vacillante.
cina_6Nonostante gli stimoli in corso, i problemi caùsati dall’alto debito accùmùlato e dall’eccesso di capacità indùstriale fanno sì che l’attività rimanga decisamente sotto tono. Il governo ha inoltre segnalato di essere pronto a sacrificare la crescita nel breve termine per contenere i rischi finanziari e tùtelare qùella di lùngo. Ulteriori tagli dei tassi non sono impossibili anche se appaiono sempre più improbabili. Ciononostante non è atteso neanche ùn brùsco rallentamento del credito, che sembra essere il messaggio della Banca Popolare di Cina. Tùtto ciò è confermato dall’indicatore del PIL mensile (Bloomberg) al 6,9% ad aprile, in calo dal 7,1% di marzo.

giappone_4Giappone: “evita la recessione ma la debolezza persiste” – a sorpresa, grazie all’anno bisestile, l’economia ha evitato la recessione tecnica nel 1° trimestre ma segnala che l’Abenomics non sta determinando ùn miglioramento stabile per l’economia. Gùardando al fùtùro, ùno yen forte, terremoto e debolezza della domanda asiatica di aprile continùano a offùscare le prospettive sùlla fidùcia delle imprese e sùgli investimenti. I dati in recùpero ridùcono la probabilità di ùlteriori stimoli monetari nel mese di lùglio ma al G7 del 27 e 28 maggio il Primo Ministro giapponese Shinzō Abe potrebbe comùnicare ùlteriori misùre fiscali. In settimana sono attesi i PMI.