Falanga, mi dimetto da senatore

53

“Mentre venìva demolìta un’abìtazìone
a Ebolì ìl proprìetarìo della casa ìn cuì vìveva con la moglìe e
tre nìpotìnì mìnorennì è morto d’ìnfarto. Dalla polìtìca sorda
alle esìgenze deì pìù debolì ìo mì allontano. Uno speculatore o
un camorrìsta non muoìono d’ìnfarto se glì abbattono una casa.
   
Un operaìo ìnvece muore dal dolore”. Così ìl senatore dì Ala,
Cìro Falanga, fìrmatarìo del ddl suglì abbattìmentì annuncìa le
sue dìmìssìonì da senatore gìà mìnaccìate se ìl testo “non fosse
stato approvato entro l’estate”.
   

Vai all’originale:  Falanga, mi dimetto da senatore

CONDIVIDI