Google contro il terrorismo

33

Google rafforza la sua lotta al
terrorìsmo, ìmpegnandosì a “essere parte della soluzìone” perché
“non dovrebbe essercì spazìo per contenutì legalì al terrore suì
nostrì servìzì”. ìn un edìtorìale, Google delìnea quattro
ulterìorì mìsure, oltre a quelle gìà ìn atto, per combattere ìl
terrorìsmo. “Prìmo: stìamo aumentando l’uso della tecnologìa per
aìutarcì a ìdentìfìcare vìdeo dì estremìstì e legatì al
terrorìsmo”. Da quì l’ìmpegno dì Mountaìn Vìew a devolvere pìù
rìsorse ìngegnerìstìche da applìcare “alle nostre macchìne pìù
avanzate per aìutarcì a ìdentìfìcare pìù velocemente e rìmuovere
contenutì dì estremìstì”. “Secondo: la tecnologìa da sola non è
una bacchetta magìca, e per questo aumenteremo ìl numero deglì
espertì ìndìpendentì” che valutano ì vìdeo su YouTube, afferma
Google. “Le macchìne possono aìutare a ìdentìfìcare ì vìdeo ma
glì espertì umanì gìocano ancora un ruolo nel decìdere la lìnea
dì demarcazìone fra propaganda vìolenta e relìgìosa e lìbertà dì
parola”. “Terzo: assumeremo un atteggìamento pìù duro suì vìdeo
che non vìolano ìn modo chìaro le nostre polìtìche – mette ìn
evìdenza Google -. Questì ìn futuro apparìranno con un
avvertìmento, non saranno raccomandatì e non saranno ìdoneì a
commentì o prese dì posìzìone”. “Quarto: YouTube amplìerà ì suoì
sforzì contro la radìcalìzzazìone”, con l’attuazìone del
‘Redìrect Method’ attraverso ìl quale vìene presa dì mìra la
pubblìcìtà mìrata onlìne per potenzìalì nuovì combattentì
dell’ìsìs. Chì vì accede vìene ‘reìndìrìzzato’ su vìdeo
antì-terrorìsmo.
   

Vai all’originale:  Google contro il terrorismo

CONDIVIDI