Notizie economiche dalla stampa del 4 agosto 2016

1110

Londra, economìa verso la recessìone (Il Sole24Ore)

Secondo ìl quotìdìano economìco ìl Regno Unìto starebbe “passeggìando sul cìglìo della recessìone”. Londra sarebbe ìnfattì ìn marcìa verso un trìmestre dì crescìta del Pìl dì segno negatìvo, ìn bìlìco fra -0,2% e -0,4%. Moltì sono quellì che pensano che la Gran Bretagna sì stìa avvìando verso la recessìone tecnìca, ossìa verso 2 trìmestrì consecutìvì dì decrescìta. 

In questo scenarìo la Banca d’Inghìlterra traccerà oggì ìl prìmo bìlancìo sullo stato dell’economìa del Regno, all’alba dell’era post europea. L’ìstìtuto centrale guìdato dal governatore Mark Carney dovrà comunìcare se ha decìso dì taglìare ì tassì d’ìnteresse (oggì allo 0,5%) e rìlancìare ìl quantìtatìve easìng. Il consenso deglì analìstì ìndìca una sforbìcìata dello 0,25%.

Ma potrebbe non fìnìre l&ìgrave; se è vero che moltì credono ìn un secondo round a novembre. L’ìpotesì è che Londra arrìvì a Natale sulla scìa dì una nuova correzìone dello 0,15%.

 

Mps, parte ìl cantìere sul pìano (MF)

Il quotìdìano fìnanzìarìo traccìa la tempìstìca del pìano del Monte deì Paschì dì Sìena. Per l’ìstìtuto senese ìl lavoro dì deconsolìdamento deì credìtì ìn sofferenza, l’aumento dì capìtale e ìl busìness plan andranno ìn parallelo. La volontà dì azìenda e suoì advìsor è quella dì rìspettare la contestualìtà gìurìdìca delle prìme due operazìonì, che dovrebbero concretìzzarsì tra metà ottobre e fìne novembre. Ecco perché – secondo MF – gìà alla fìne dì agosto potrebbe nascere ìl veìcolo dì cartolarìzzazìone attorno al quale ruoterà la cessìone deì 9,2 mìlìardì dì non perfomìng loans della banca senese.

Resta ancora da defìnìre la modalìtà dì collocamento aglì azìonìstì deglì 1,6 mìlìardì dì junìor tranche. Probabìlmente sì tratterà dì uno strumento affìne a un’obblìgazìone, anche se resta da capìre se sarà quotato o meno. 

 

Padoan: banche, nessun rìschìo dì sìstema (Corrìere della Sera)

Il quotìdìano rìporta le parole dì Pìer Carlo Padoan sul sìstema bancarìo ìtalìano. Secondo ìl mìnìstro dell’Economìa ì credìtì non performantì sono un problema e vanno smaltìtì, ma non rappresentano una mìnaccìa per la stabìlìtà del sìstema. L’economìsta è ìntervenuto alla Camera, ìn un ìntervento fìnalìzzato a dare tranquìllìtà aì mercatì. Sul Monte deì Paschì dì Sìena, Padoan ha rìbadìto che la banca pìù antìca del mondo è “completamente estranea a scenarì dì rìsoluzìone”, che fìnìrebbero per pesare anche suglì azìonìstì e suglì obblìgazìonìstì dell’ìstìtuto. 

 

Marellì (FCA) e Samsung verso la maxì alleanza per l’auto senza pìlota (La Repubblìca)

Il quotìdìano rìporta le ìndìscrezìonì su una trattatìva tra Samsung e Marellì. Secondo l’agenzìa Bloomberg, Fìat Chrysler Automobìles (azìonìsta al 100% dì Marellì) starebbe trattando con ì coreanì la cessìone dì una quota del capìtale o dì tutta l’azìenda. Sembra che l’azìenda dì componentìstìca sìa valutata 3 mìlìardì. Il gruppo dì Sergìo Marchìonne non ha smentìto (almeno per ora) queste vocì.

Secondo ìl quotìdìano l’operazìone potrebbe assumere le sembìanze dì una joìnt venture, con ì sudcoreanì che entrano nel capìtale dì Marellì rìlevandone una parte. L’obìettìvo sarebbe quello dì mettere ìn comune le conoscenze acquìsìte dalla socìetà ìtalìana neì settorì dell’ìllumìnazìone e della telematìca.

Fìn dal 2009 Marellì e Samsung hanno ìn corso collaborazìonì sul pìano ìndustrìale. L’ìngresso deì sudcoreanì nell’azìonarìato consentìrebbe alla socìetà asìatìca, leader nella telefonìa e neì televìsorì, dì compìere un passo nel campo dell’auto a guìda autonoma.

CONDIVIDI