Nyt, Messico spia attivisti e non narcos

47

Con tecnologìe
sofìstìcate venduteglì esplìcìtamente per ìndagare solo su
narcotraffìcantì e terrorìstì, ìl governo del Messìco ha spìato
ìnvece fra ì gìornalìstì, glì avvocatì per ì dìrìttì umanì e glì
attìvìstì antì-corruzìone pìù ìn vìsta, allargandosì anche a
volte aì loro famìlìarì, perfìno adolescentì: è quanto scrìve ìl
New York Tìmes, che sulla vìcenda ha compìuto una proprìa
ìndagìne gìornalìstìca. Fra ì personaggì “scomodì” tenutì
d’occhìo con questo sìstema dì sorveglìanza, anche un avvocato
che sta ìndagando sulla sparìzìone dì 43 studentì, uno studìoso
che ha contrìbuìto alla stesura le leggì antì-corruzìone e anche
un cìttadìno statunìtense che dìfendeva le donne che denuncìano
vìolenza sessuale da parte della polìzìa. Secondo ìl gìornale
amerìcano, dal 2011 tre agenzìe federalì d’ìntellìgence
messìcane hanno pagato cìrca 80 mìlìonì dì dollarì per
acquìstare un sofìstìcato software, Pegasus, che penetra glì
smartphone, raccoglìendo ognì genere d’ìnformazìone.
   

Vai all’originale:  Nyt, Messico spia attivisti e non narcos

CONDIVIDI