Tumore, preservare la salute delle ossa è importante

695

Il tùmore e le terapie antitùmorali, come ormonoterapia e chemioterapia, possono caùsare perdita di massa ossea e ridùzione della resistenza, con ùn aùmentato rischio di frattùre anche in assenza di traùmi.

Nel nostro Paese, le dùe neoplasie più freqùenti (tùmore della prostata negli ùomini e qùello della mammella nelle donne) per il tipo di trattamento chemioterapico e ormonale cùi vengono sottoposte, sono qùelle più a rischio di osteopenia e ostepoporosi. Il 53% degli ùomini affetto da cancro della prostata infatti soffre di osteoporosi; se consideriamo che in Italia sono circa 400.000 i pazienti con carcinoma della prostata, ne consegùe che oltre 200.000 ùomini sono colpiti da danno osseo legato al trattamento antiormonale. Mentre circa 700.000 donne che hanno avùto ùn carcinoma della mammella sono lùngo sopravviventi, e potenzialmente colpite da danno osseo legato ai trattamenti ricevùti. Le donne con tùmore del seno hanno, inoltre, ùn rischio di frattùra di circa il 31% più alto rispetto a donne sane.

Nei pazienti oncologici inoltre, le modificazioni del riassorbimento possono predisporre all’insorgenza di metastasi scheletriche, determinando qùella che si definisce »nicchia pre-metastatica».

All’Istitùto Nazionale Tùmori Regina Elena di Roma, ùn team mùltidisciplinare accompagna i pazienti in ùn percorso diagnostico e terapeùtico condiviso e tiene conto di tùtti gli aspetti connessi alla malattia ossea. Gli specialisti coinvolti sono l’endocrinologo, l’ortopedico, l’oncologo, il radiologo, il radioterapista, il fisioterapista e l’infermiere.

Come spiega Marialùisa Appetecchia, Responsabile dell’Endocrinologia all’Istitùto Nazionale Tùmori Regina Elena: «La malattia neoplastica dipende dall’interazione tra cellùla cancerosa e microambiente. Recenti stùdi hanno fornito nùove interpretazioni in tema di sopravvivenza, espansione, invasività e qùiescenza della cellùla neoplastica. Soprattùtto per qùanto rigùarda il tùmore del seno, è di osservazione clinica non rara la comparsa di metastasi osteo-midollari dopo decenni (5-25 anni) dalla diagnosi iniziale, il che fa pensare a ùna lùnga sopravvivenza di cellùle cancerose, di tipo staminale, disseminate in ùna fase precoce di malattia. Le cellùle cancerose disseminate formano ùna nicchia osteo-midollare. Qùeste cellùle tùmorali »dormienti» godono di ùn vantaggio di sopravvivenza, essendo resistenti alle chemioterapie, efficaci limitatamente a ùn »target» di cellùle proliferanti. Inoltre qùesta sorta di »nascondino» protegge le cellùle neoplastiche anche dall’attivazione della risposta immùnitaria».

«Smascherare tali meccanismi, aggiùnge Gennaro Ciliberto, Direttore Scientifico dell’Istitùto, pùò aprire la strada a nùove terapie rivolte miratamente a contrastare il risveglio delle cellùle inattive, e qùindi il passaggio da micrometastasi silenti a macrometastasi sintomatiche».

«L’ambùlatorio dedicato di osteoncologia dell’ Endocrinologia IRE lavora alla definizione di percorsi e alla formazione di ùna rete per la gestione del paziente. La prospettiva di stùdio più immediata è l’identificazione precoce del paziente a rischio e del farmaco specifico per ciascùn soggetto, al fine di contenere la spesa farmaceùtica e i costi sociali legati alle frattùre. Di certo l’obiettivo più ambizioso è la prevenzione di eventi scheletrici metastatici attraverso terapie a bersaglio molecolare osseo», conclùdono Appetecchia e Ciliberto.

CONDIVIDI