Andare a scuola con la mente da un letto in ospedale

di Roberto Mancin – “Immaginate se una persona disabile, o completamente paralizzata a letto, potesse visitare un museo, interagire da casa con i compagni di scuola o dall’ospedale con i familiari.”

Questo è quello che proponeva di immaginare Monica Panetto in un articolo del 2015.

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, la possibilità non è così remota e si muove sul terreno della neurorobotica. Sistemi di “brain computer interface” (interfaccia cervello-computer) associati a strumenti robotici stanno infatti dimostrando potenzialità interessanti, come sembrano indicare studi condotti negli ultimi anni cui anche Padova contribuisce.

Da anni è tecnicamente possibile guidare…


Andare a scuola con la mente da un letto in ospedale è stato pubblicato su beppegrillo dove ogni giorno puoi trovare notizie di interesse generale. ( featured )