App inviano dati a Facebook senza consenso

Una ventina di applicazioni popolari per dispositivi Android – tra cui le app di viaggio Skyscanner, Tripadvisor, Kayak, la piattaforma di musica in streaming Spotify e la app di riconoscimento delle canzoni Shazam – condividono alcuni dati personali con Facebook senza il consenso degli utenti, e anche se gli utenti non sono iscritti al social network.

E’ quanto sostiene un rapporto stilato dalla organizzazione non profit britannica Privacy International, che ha preso in esame 34 applicazioni.

Le informazioni, pur non portando a un’identificazione immediata dell’utente, consentono di profilarlo.

La app per pregare Qibla Connect, per esempio, rivela che l’utente è musulmano; Period Tracker Clue, per annotare il ciclo sul calendario, identifica una donna; la app Indeed fa sapere che la persona è in cerca di un lavoro.

La app Kajak per trovare voli e hotel – si legge ancora nell’indagine – condividerebbe le destinazioni…

LEGGI TUTTO
Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer