Arcelor Mittal chiede nuova cassintegrazione per oltre 8mila operai di Taranto. I sindacati Vergogna senza fine

Arcelor Mittal chiede nuova cassintegrazione per oltre 8mila operai di Taranto. I sindacati Vergogna senza fine

La cassa integrazione ordinaria segue quella Covid chiesta per lo stesso numero di addetti e usata in due tranche: da fine marzo a fine maggio ed ora per altre 5 dall’1 giugno. Durissime le reazioni sindacali: “una vergogna senza fine”. La nuova cassa ordinaria aggancia temporalmente la fine di quella Covid.

 

Arcelor Mittal chiede nuova cassintegrazione per oltre 8mila operai di Taranto. I sindacati Vergogna senza fine

visita la pagina 

Lascia un commento