Notizie

No all arrivo delle multinazionali a Firenze vince il modello taxi artigiano



Firenze, 14 aprile 2022 – No all’arrivo delle multinazionali. E’ quanto messo in chiaro dai clienti dei taxi italiani, come viene fuori dall’inchiesta sul servizio in Italia commissionata da Uritaxi e creata da Lab 21.01 Ricerca – Formazione – Consulenza strategica per i quali, il 51.1%, il ruolo del centralinista che risponda alla chiamata, e dunque del rapporto umano, e indispensable. Elaborata alla luce di oltre 1.000 interviste a residenti in città con più di 100mila abitanti che hanno preso un taxi o un ncc negli ultimi 3 mesi o all’estero negli ultimi 5 anni, la ricerca sottolinea che il 30.3% non gradirebbe l’entrata di multinazionali straniere e non. Il 39.9% non ha un’opinione al riguardo e solo il 29.8% sarebbe favorevole.

Dalla rilevazione effettuata tra l’8 e il 13 aprile viene fuori pure che l’81.3% di chi usa il taxi e abbastanza o molto appagato del servizio. Altissimo pure l’apprezzamento per l’offerta tecnologica (telefonica, sms, Whatsapp, Telegram, app): 78,1%.

Si sviluppa dunque la qualità del servizio con i clienti che apprezzano il comfort del mezzo di trasporto (93.1%), le informazioni sul servizio (92.8%), la rapidità di trasferimento (90.2%), i tempi di attesa (84.9%). A fare la differenza tra la scelta di un mezzo o un altro la sicurezza della corsa, giudicata di indispensable importanza per il 95.2% degli intervistati, il costo (94.7%), la rapidità di trasferimento (91.2%), la disponibilità e la cortesia dei tassisti (88.4%).

“Gli italiani bocciano multinazionali, deregulation e servizio estero” conferma Claudio Giudici, presidente nazionale Uritaxi. “Nuovamente – va avanti –  i dati raccolti ci obbligano a domandare alle istituzioni: perché riformare un servizio d’eccellenza che funziona, che mette in atto come nessun altro i precetti costituzionali degli artt. 41, 43, 45 e 46, e che invece dovremmo difendere come patrimonio nazionale?”.

L’inchiesta sottolinea che solo il 24.5% del campione, e dunque 1 su 4, ritiene che il servizio all’estero sia più efficiente rispetto all’Italia e che l’82.2% degli intervistati sarebbe favorevole a veder sostituire parte delle linee bus dal taxi con un sostegno economico pubblico. Il 37.6% dei cittadini ritiene più efficiente il taxi rispetto al noleggio con conducente (32.2%), al car sharing (18.4%) e agli autobus (9.7%). Sempre dall’inchiesta si registra che il 33.4% non sarebbe d’accordo sull’ingresso nel mercato dei taxi di soggetti che operino a prezzo libero, con l’opportunità dunque che il prezzo finale possa abbassarsi, ma pure salire contro il 30.1%.

A chiamare il taxi sono oltretutto le persone con problemi di salute (lo dice il 35.3%), il 31,4% lo fa per motivi di lavoro, il 27.9% per andare o tornare dalla stazione, il 22.8% per o da l’aeroporto. Non usufruisce del servizio taxi chi ha un mezzo proprio, e quanto dichiarato dall’84.9%, chi usa mezzi pubblici (il 34.8%) o chi ritiene che non sia abbastanza sicuro contro il coronavirus (il 27.3%). Solo il 21.8% non lo fa perché ritiene le tariffe elevate.

A Firenze, dove il gradimento era gia altissimo (91% nel 2020, 90% nel 2019 e 88% nel 2017) esplode l’utilizzo dell’app dei tassisti italiani itTaxi: e aumentato del 95% negli ultimi due mesi.

“Dalla ricerca effettuata nei primi giorni di aprile sugli utilizzatori di taxi nelle grandi città – mette in rilievo il curatore dell’inchiesta, professore Roberto Baldassari, direttore generale di Lab 21.01 – viene fuori chiaramente, e in maniera confermativa rispetto alle ricerche precedenti, come gli italiani abbiano un rapporto ottimo con il servizio taxi”.


The post in italian is about:


L’article en italien concerne :