Aspi, l’ad Tomasi indagato ‘Già chiarito tutto’


Aspi, l’ad Tomasi indagato ‘Già chiarito tutto’

Roberto Tomasi, attuale amministratore delegato di Autostrade, è stato iscritto sul registro degli indagati nell’inchiesta sui pannelli fonoassorbenti sistemati sulla rete autostradale italiana, non in quanto ad, ma per la presenza nel ‘comitato nuove opere’, l’organo tecnico che valutava gli investimenti di Aspi prima che fossero sottoposti al consiglio di amministrazione dell’azienda per essere finanziati, riferiscono oggi Repubblica e Secolo XIX. Il comitato aveva deciso l’acquisto di una maxi partita per circa 30 milioni di pannelli anti rumore da posizionarsi ai lati dell’autostrada che poi, secondo l’accusa, si sono dimostrati pericolosi. Per questo alla fine del 2019 il sostituto procuratore Walter Cotugno aveva notificato un avviso di garanzia a tutti i membri del gruppo. Il fascicolo è aperto per frode nelle pubbliche forniture e attentato alla sicurezza dei trasporti, secondo il Secolo XIX. L’iscrizione degli indagati è definita dagli inquirenti “un atto dovuto” per dare la …

 

Aspi, l’ad Tomasi indagato ‘Già chiarito tutto’

visita la pagina