Attualitá

Bielorussia, terza domenica di proteste: migliaia scendono in strada a Minsk sfidando la repressione

Bielorussia, terza domenica di proteste: migliaia scendono in strada a Minsk sfidando la repressione 

Nonostante l’ingente dispiegamento delle forze di sicurezza, decine di migliaia di manifestanti sono scesi in strada a Minsk per partecipare alla “Marcia per la pace e l’indipendenza”, la grande manifestazione indetta per la terza domenica consecutiva dall’opposizione per chiedere le dimissioni del presidente Aleksandr Lukashenko.

Dopo che per due domeniche gli agenti anti-sommossa si erano astenuti dal disperdere le proteste, Lukashenko questa settimana aveva promesso di reprimere le manifestazioni. Stamattina, di fatti, le forze dell’ordine avevano bloccato l’accesso a piazza Indipendenza e sbarrato con autobus e mezzi pesanti carichi di uomini e idranti le stradi principali. Mentre ai pochi giornalisti rimasti e autorizzati a coprire gli eventi, dopo le detenzioni e la revoca degli accrediti stampa dei giorni scorsi, era stato intimato di tenersi a 100 metri di distanza dai cortei.

rep


Approfondimento

A Minsk in marcia per futuro e libertà: “Non abbiamo paura”

Almeno 125 manifestanti sono stati arrestati. Le detenzioni, le minacce e la propaganda non sono però bastate a dissuadere i manifestanti che, davanti agli sbarramenti, hanno sventolato bandiere o si sono stesi sull’asfalto come segno di resistenza pacifica. Per poi dirigersi davanti al palazzo presidenziale e consegnare i loro “regali” a Lukashenko che oggi compie 66 anni, di cui 26 trascorsi al…

Tags
Show More
Close