Borse Asia contrastate, Cina sale del 2%

Le Borse asiatiche reagiscono in ordine sparso al crollo della Apple (-9,9%), che ieri ha affossato Wall Street.

A pesare sul gigante di Cupertino c’è il taglio delle stime sui ricavi, sulla base del rallentamento dell’economia cinese, penalizzata anche dalla guerra dei dazi fra Usa e Cina.

Questo scenario ha portato al tracollo di Tokyo (-2,2%), che ha ripreso le contrattazioni dopo diversi giorni di stop per festività.

Spinte dalla notizia dell’imminente visita a Pechino (7 e 8 gennaio) di una delegazione americana per discutere di dazi, le Piazze cinesi hanno invece guadagnato più del 2%: il 2,07% Shanghai e il 2,6% Shenzhen, mentre Hong Kong sale dell’1,8%.

In crescita anche Seul (+0,8%) e Mumbai (+0,22%), mentre Sidney è scesa dello 0,3%.

I futures indicano rialzi per le Borse europee…

LEGGI TUTTO
Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer