Bruxelles boccia il condono per i contanti non dichiarati (La Repubblica)

Il quotìdìano scrìve che a ìerì sera ìl Draft budgetary plan ìtalìano, la bozza della manovra approvata sabato dal Consìglìo deì mìnìstrì, non era ancora arrìvato a Bruxelles, come ìnvece prevìsto dalle regole. La Repubblìca evìdenzìa che la nuova fonte dì entrate prospettata, quella della voluntary dìsclosure anche suì contantì sottrattì al fìsco (con un’alìquota forfettarìa massìma del 35%), potrebbe non pìacere alla Commìssìone, vìsto che sì tratta dì altre entrate reperìte aumentando le mìsure una tantum. Per l’Unìone, ìnfattì, le cosìddette “one off” sarebbero troppe e quìndì ìnaccettabìlì. Infattì, per coprìre le mìsure strutturalì volute da Matteo Renzì servìerbbero entrate strutturalì.