MondoSport

Calcio femminile, la monarchia del Lione: dalla Francia all’Europa un dominio senza precedenti

Calcio femminile, la monarchia del Lione: dalla Francia all’Europa un dominio senza precedenti 

ROMA – Meglio della Juventus dell’ultimo decennio in campionato. Come il Real Madrid di Di Stefano e Puskas in Europa. Il Lione femminile sta scrivendo la storia dell’altra metà del pallone: con la vittoria in finale contro il Wolfsburg, le francesi allenate da Jean-Luc Vasseur hanno conquistato la loro quinta Champions League di fila, la settima in totale. Da quando nel 2009 il trofeo continentale ha cambiato formula e nome (prima si chiamava Uefa Women’s Cup), l’OL ha mancato la finale solo in due occasioni. Un vero e proprio dominio europeo, che tra le mura di casa si trasforma in monarchia assoluta: il Lione ha vinto quest’anno il suo diciottesimo campionato, il quattordicesimo di fila. Un titolo assegnato a tavolino dopo l’interruzione della stagione a causa dell’emergenza coronavirus quando l’OL, a sei giornate dal termine, era a +3 sul Psg. Ma con il match di ritorno in casa delle parigine che era in programma proprio quando il governo francese ha decretato lo stop al mondo del calcio.

“Abbiamo fatto qualcosa di leggendario”, ha detto un raggiante Jean-Michel Aulas dopo il 3-1 sul Wolfsburg di domenica. Il vulcanico patron è il vero deus ex machina dell’OL: dopo averlo acquistato nel 1987, ha portato il club, che fino a quel momento aveva vinto solo tre Coppe nazionali, ai vertici del calcio francese. Indimenticabile la striscia di sette Ligue 1 di fila tra il 2002 e il 2008 del Lione maschile, guidato da Santini, Le Guen e Houllier. Magari…

Tags
Show More
Close