Caporalato, Coldiretti ‘pene più severe’

CAMPOBASSO, 10 AGO – “Affiancare le norme sul caporalato all’approvazione di proposte di riforma dei reati alimentari presentate dall’apposita commissione presieduta da Giancarlo Caselli, presidente del comitato scientifico dell’Osservatorio Agromafie”.

Lo chiede la Coldiretti Molise intervenendo nel dibattito sul fenomeno del caporalato, concorrenza sleale di quanti non regolarizzano il lavoro di braccianti sia italiani sia stranieri e sulle distorsioni della filiera relative al prezzo finale del prodotto sullo scaffale rispetto a quello pagato agli imprenditori agricoli. “I veri produttori di cibo – osserva il direttore regionale dell’organizzazione Aniello Ascolese – spesso sono così costretti a chiudere le aziende…

LEGGI TUTTO
Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer