Caporali sfruttavano camerieri a Pesaro

Assumevano camerieri pakistani e li facevano lavorare 14 ore al giorno pagandoli 600 euro al mese; i lavoratori dormivano in un sottotetto e se rivendicavano diritti venivano buttati fuori.

Con l’accusa di caporalato, i carabinieri per la tutela del lavoro di Pesaro e Venezia, competenti per territorio, hanno arrestato e portato in carcere la notte scorsa la 40enne titolare cinese di un ristorante di sushi di Pesaro e un ‘reclutatore’ pakistano di 42 anni bloccato ieri notte a Pratola Peligna (l’Aquila).

L’operazione denominata “Sushi” è coordinata dalla Procura di Pesaro.

Dagli accertamenti…
Leggi anche altri post Regionali o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer