Categories
Ansa

Concertone del 1 maggio, Fedez all’attacco della Lega: “La Rai voleva censurarmi”

I messaggi a favore dei lavoratori dello spettacolo in crisi da un anno, il ritorno della musica live, i luoghi simbolo e i racconti di un’Italia in difficoltà e infine la polemica di Fedez contro la Lega e Rai3. Tutto questo è stato il Concertone del Primo Maggio 2021, andato in scena dalla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica a Roma, che come slogan ha scelto “L’Italia si cura con il lavoro”.

Un Concertone che a metà pomeriggio ha cominciato a prendere una direzione diversa da quella della sola maratona musicale, pure parecchio corposa con oltre 40 artisti coinvolti, deviando verso lo scontro politico via social e via comunicati roventi. Protagonista contro tutti, Fedez. E nel ruolo di tutti, da una parte la Rai, accusata di averlo sottoposto a censura preventiva, dall’altra la Lega nel mirino del cantante in particolare per le posizioni omofobe e per l’ostruzionismo al DDL Zan. La Rai, per altro, ha prima smentito con una nota di Rai3 che successivamente Viale Mazzin

Leggi l’originale