Cronaca

“Correvamo soltanto verso la nostra libertà”, l’ultimo saluto di Ciro a Maria Paola

“Correvamo soltanto verso la nostra libertà”, l’ultimo saluto di Ciro a Maria Paola 

Ciro arriva ai funerali di Maria Paola scortato dalla polizia, dall’Arcigay e con il permesso della Procura. E, con l’aiuto degli amici, stende un grande cartello, scritto a penna, davanti all’ingresso della chiesa di San Paolo Apostolo a Caivano: “Correvamo soltanto verso la nostra libertà o almeno credevamo di farlo”.  Firmato, “dal tuo grande amore Ciro”.

È l’ultimo messaggio del 22enne, (ragazzo nato di sesso femminile ma che “si sente e vive da uomo”) alla fidanzata Maria Paola Gaglione, morta a 18 anni, cadendo rovinosamente dal motorino ad Acerra, inseguita dalla moto guidata dal fratello Michele Antonio, ora in carcere per omicidio preterintenzionale. Michele come la famiglia si opponeva alla relazione tra la sorella e il 22enne.


Cronaca

Ciro: “Ma io e Paola abbiamo vinto, anche se non siamo più insieme, contro tutti e contro la famiglia che non voleva”

Ciro ha dato l’ultimo saluto a Maria Paola all’obitorio, accompagnato suoi amici e da una delegazione di Arcigay Napoli, scortata dalla polizia. Il giovane è stato autorizzato dalla Procura di Nola, diretta da Laura Triassi, e è stato accompagnato dall’avvocato Giovanni Paolo Picardi che lo rappresenta in giudizio.

L’associazione ringrazia la Procura:  “che ha mostrato da subito grande sensibilità nella gestione di una vicenda delicata e con non poche implicazioni emotive per le persone coinvolte,…

Tags
Show More
Close