Categories
Ansa

Covid, la Valle d’Aosta sarà rossa, Sardegna passa in arancione

Il ministro della Salute Roberto Speranza firma nuove ordinanze che andranno in vigore dal 3 maggio. La Valle d’Aosta sarà rossa. Arancioni Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e Sardegna. Risale a 0,85 l’indice Rt nazionale di contagio. Brusaferro, c’è decrescita curva ma sempre lenta, cala l’età media dei casi Covid a 42 anni. 13.446 i positivi al test in Italia nelle ultime 24 ore. 263 le vittime. Il tasso di positività scende al 3,9%. Iss, la variante inglese è ormai prevalente nel nostro paese. Nell’ultima indagine è stata evidenziata nel 92% dei casi. La brasiliana è al 4,5%.

Primo weekend festivo in “semi-libertà”. Da lunedì scorso le piazze e le strade delle grandi città, almeno quelle in zona gialla, sono tornate a brulicare di persone, ma da domani, 1 maggio, ci si aspetta il tutto esaurito tra mete turistiche e culturali del Paese, con la speranza di ristoratori ed operatori di provare a raddrizzare una stagione fin qui drammatica. Un piccolo passo che potrebbe segnare l’inizio di un nuovo corso, segnato dal record di 508 mila vaccini somministrati in 24 ore. Un dato che – assicurano gli esperti – andrà ad incidere col tempo sulla curva dei contagi che ancora oggi ha fatto segnare oltre 13 mila nuovi casi e 263 vittime. Il weekend del primo maggio segnerà un test importante in vista anche delle tanto agognate ferie estive, con la consapevolezza quest’anno di non ripetere gli errori del 2020. Per 47 milioni di italiani (tanti sono in zona gialla) ci sarà la possibilità di andare a pranzo e cena al ristorante ma anche di visitare musei, teatri e cinema, che – lentamente – stanno cominciando a ritrovare il proprio pubblico. Sarà consentito, inoltre, lo spostamento tra regioni anche di colore diverso, muniti però del cosiddetto green pass, il documento che certifica l’avvenuta vaccinazione o, eventualmente, la negatività al tampone nelle 48 ore precedenti il viaggio.

Ma non sarà comunque un “liberi tutti”, come ricordano molti amministratori locali che continuano a lanciare appelli alla responsabilità. Proprio da domani saranno intensificati i controlli delle forze dell’ordine non solo su strade e autostrade ma anche nei potenziali luoghi di assembramento come

Continua qui