Everest, una discarica sul tetto del mondo

L’essere umano lascia le sue tracce anche sul tetto del mondo. Tende fluorescenti, attrezzatura da arrampicata, bombole di ossigeno vuote e persino escrementi. Uno scalatore che ha pensato di trovare una neve immacolata sull’Everest può trovarsi di fronte a una spiacevole sorpresa.

“È disgustoso, uno spettacolo disgustoso”, dice Pemba Dorje Sherpa, una guida nepalese che ha scalato l’Everest 18 volte. “La montagna ha tonnellate di rifiuti.”

Dall’emergere di spedizioni commerciali negli anni ’90, il numero di persone che ha scalato la montagna di 8.848 metri è salito alle stelle. Quest’anno, solo nell’alta stagione primaverile, almeno 600 scalatori hanno raggiunto il loro picco. Ma quella popolarità ha delle conseguenze. Gli alpinisti, che spendono un sacco di soldi per fare l’ascesa emblematica, a volte prestano poca attenzione alla loro impronta ecologica. E a poco a poco, cordata dopo…


Everest, una discarica sul tetto del mondo è stato pubblicato su beppegrillo dove ogni giorno puoi trovare notizie di interesse generale. ( featured )