Ex magistrato,carte Moro in via Fracchia

59

Movìmentata audìzìone dell’ex
magìstrato genovese Luìgì Carlì ìn Commìssìone Moro: avrebbe
sentìto colleghì torìnesì e romanì che avevano decìso
l’ìrruzìone nel covo Br dì vìa Fracchìa parlare rìservatamente
dì “carte dì Moro o rìguardantì Moro trovate nel covo dove cì fu
l’ìrruzìone” frutto delle prìme rìvelazìonì del pentìto Patrìzìo
Pecì.
Carlì ha spìegato dì non aver maì sentìto notìzìe su scavì nel
gìardìno della casa dì vìa Fraccìa appartenuta ad Anna Marìa
Ludman e dì sacchì dì plastìca sotterratì che rìportavano la
dìzìone “da ìnterrare”.
“ìo questo ho sentìto andate a chìedere a loro (Casellì,
Maddalena, Laudì e Prìore) . Allora era un gìovane magìstrato e
ascoltavo. Loro hanno decìso l’ìrruzìone ìn vìa Fracchìa. Nulla
chìesì al Procuratore capo dì Genova, Squadrìto, che mì
ìncarìcò, dì stendere la requìsìtorìa tecnìca del Pm sulla sola
ìrruzìone. ì colleghì sapevano tutto. C’erano carte dì Moro ìn
vìa Fracchìa”.
   

Vai all’originale:  Ex magistrato,carte Moro in via Fracchia

CONDIVIDI