Fase 2, Bonaccini Qualche quota di rischio va presa, altrimenti non riapriremmo mai. Il passaporto sanitario è ingestibile e impraticabile. Il Nord ha bisogno di risposte veloci”

Fase 2, Bonaccini Qualche quota di rischio va presa, altrimenti non riapriremmo mai. Il passaporto sanitario è ingestibile e impraticabile. Il Nord ha bisogno di risposte veloci”

“I numeri dicono che ovunque, persino in Lombardia, la curva è in ribasso. Soprattutto per quanto riguarda i ricoveri, che sono i dati che contano. Qualche quota di rischio va presa, altrimenti non riapriremmo mai: bisogna mandare i dati a Roma e tenersi pronti a restringere qualcosa che abbiamo riaperto”. E’ quanto ha detto a Omnibus il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. “Mi pare che dopo il 4 maggio la curva abbia continuato a scendere. Dobbiamo fare di tutto – ha aggiunto il governatore emiliano – per invitare le persone ad avere comportamenti responsabili”.

“Il passaporto sanitario – ha aggiunto Bonaccini – è ingestibile e impraticabile. Il nostro è un paese diverso, fatto di tante componenti con regioni così differenti, sia per diffusione del virus che per colore politico, ma mi sembra che la pandemia sia stata gestita bene nonostante la situazione drammatica. Se a questo Paese arrivassero oltre …

 

Fase 2, Bonaccini Qualche quota di rischio va presa, altrimenti non riapriremmo mai. Il passaporto sanitario è ingestibile e impraticabile. Il Nord ha bisogno di risposte veloci”

visita la pagina 

Lascia un commento