Firenze, dopo 77 anni torna nella cella dove fu prigioniero e scoppia in lacrime «Era il mio sogno»


Firenze, dopo 77 anni torna nella cella dove fu prigioniero e scoppia in lacrime «Era il mio sogno»

FIRENZE Era stato il suo incubo peggiore, ma il correre del tempo lo aveva trasformato in qualcosa di diverso e di positivo: una speranza. Quale? Quella di rivedere la caserma dove l’8 settembre del 1943 era stato imprigionato dai tedeschi e nonostante le minacce di morte e il rischio di essere deportato in un campo di concentramento in Germania, aveva avuto il coraggio di dire ai nazisti che con loro non avrebbe mai più combattuto da alleato. Mai più. E poi, con un piano di straordinaria astuzia, era riuscito ad evadere dagli aguzzini mettendo in salvo anche altri italiani.

Sono passati 77 anni da quel terribile 1943 e stamani Bruno Faggioli, 96 anni, portati benissimo, toscano di Montespertoli, è riuscito a rivedere da uomo libero la caserma Faldini di Firenze, oggi sede della Polizia di Stato. È stato accolto dal questore Armando Nanei …

 

Firenze, dopo 77 anni torna nella cella dove fu prigioniero e scoppia in lacrime «Era il mio sogno»

visita la pagina