Cronaca

Fondi Lega, così si giustifica il bancario delle operazioni sospette: “L’ho fatto per amicizia”

Fondi Lega, così si giustifica il bancario delle operazioni sospette: “L’ho fatto per amicizia” 

“La banca non ha perso un centesimo, io non ho preso un soldo, l’ho fatto solo per amicizia e in buona fede”. Così, intercettato il 21 maggio scorso mentre parla con il contabile della Lega Alberto Di Rubba, ai domiciliari per il caso Lombardia Film Commission, Marco Ghilardi, all’epoca direttore della filiale Ubi di Seriate (Bergamo), prova a esporre le sue giustificazioni per le mancate segnalazioni di una serie di operazioni sospette sui conti di società di Di Rubba e dell’altro revisore del Carroccio Andrea Manzoni. Mancate segnalazioni per le quali in quel periodo il bancario doveva difendersi da contestazioni disciplinari che porteranno poi al suo licenziamento.

rep


Approfondimento

Lega, quei 19 milioni finiti a Cipro e alle Cayman. I pm che indagano sul Carroccio seguono una nuova pista

Ghilardi è molto preoccupato per il suo futuro, mentre legge a Di Rubba tutte le contestazioni che l’istituto gli ha fatto: “perché a 50 anni dove caz.. vado? (…) chi caz.. mi assume (…) allora lì dovrò contare ancora su di te o su qualcuno”. E Manzoni il giorno successivo, parlando con un avvocato che assiste Ghilardi, gli dice: “hanno fatto adesso una contestazione disciplinare di (…) non so quante pagine (…) tutto legato a noi per il discorso Lega”.

rep


Approfondimento

Tags
Show More
Close