La gioia di Mattia, il paziente 1 che è diventato papà: “Giulia aiuterà l’Italia a non perdere la speranza”

La gioia di Mattia, il paziente 1 che è diventato papà: “Giulia aiuterà l’Italia a non perdere la speranza”

MILANO — «Ho resistito perché mia moglie Valentina aspetta la nostra prima figlia. Avevo promesso che non le avrei lasciate sole». Il 23 marzo, dopo oltre un mese tra la vita e la morte, Mattia ha spiegato così il segreto che gli ha permesso di battere il coronavirus. L’uomo che l’Italia conosce come il “paziente 1” martedì sera ha finalmente potuto abbracciare le due donne che, assieme ai medici di Codogno e del San Matteo di Pavia, gli hanno imposto di non mollare. Alle 19, nell’ospedale Buzzi di Milano, Valentina ha dato alla luce la loro Giulia. Sulla porta della maternità il manager e runner di Castiglione d’Adda, 38 anni, ha appeso un fiocco rosa: sopra, un orsetto che fa volare un palloncino a forma di cuore.

«Scoppio di felicità — ha detto Valentina alle infermiere — dopo tanta sofferenza e una paura che mi paralizzava, questa …


Post simile

Lascia un commento