Notizie

In tilt la piattaforma e il concerto di Manu Chao va in overbooking. Venduti 1.000 biglietti ma c’erano solo 500 posti disponibili

In tilt la piattaforma e il concerto di Manu Chao va in overbooking. Venduti 1.000 biglietti ma c’erano solo 500 posti disponibili 

ROVERETO. La piattaforma in tilt e il concerto di Manu Chao totalmente in overbooking. Sono tantissime le persone destinate a restare deluse e che cercano di capire il destino della propria prenotazione dell’avvenimento, mentre alcuni appassionati musica minacciano di rivalersi per un disservizio che ha lasciato delusi in molti.

 

A fronte di 500 posti disponibili, sono stati venduti 1.000 biglietti. “Siamo spiacenti di comunicare che il suo ordine di oggi in relazione all’avvenimento ‘Manu Chao – Concerto della pace’ non è andato a buon fine – questo il testo dell’email inviata da Boxol – perché la conferma del pagamento ci è giunta posteriormente all’esaurimento del contingente disponibile”.

 

La prima volta in Trentino Alto Adige dell’artista e musicista francese ha mandato in crisi la piattaforma Primiallaprima. Un appuntamento in agenda per lunedì 10 agosto alla Campagna dei caduti promosso da Comune di Rovereto e Centro servizi culturali Santa Chiara. Un avvenimento attesissimo e biglietti esauriti in pochissimi minuti. Ma il sistema non ha retto l’afflusso per staccare il doppio dei ticket in realtà disponibili.

 

“Purtroppo c’è stato un problema con il servizio di prevendita che ha generato un disservizio per il quale siamo in attesa di un report esaustivo di spiegazione”, commenta il Centro S. Chiara a Il Dolomiti. Alle prime criticità, pochi minuti dopo l’inizio della prevendita, i social si sono infiammati di commenti negativi nei confronti degli enti promotori del concerto. “Le normative per contrastare la diffusione di Covid-19 impongono limitazioni in termini di spazi. E per questo – aggiunge il Centro – il contingente è stato abbassato a 500 biglietti ma si è accertato un problema per il quale attendiamo una nota”.

 

Un disservizio che, però, causa tantissime reazioni sui social e una brutta figura per quanto riguarda l’organizzazione. Tantissimi gli appassionati che hanno ricevuto prima un’email di conferma dell’acquisto e successivamente la cancellazione. Una vicenda che potrebbe avere ulteriore strascichi, i moltissimi delusi ipotizzano di rivolgersi alle associazioni di tutela consumatori oppure a qualche legale.

Close