Irriducibili del vitalizio scatenati. Dopo La Notizia diffidata la Camera. Lettera degli ex parlamentari ai vertici di Montecitorio. Che cercano la sponda della Procura di Roma

Irriducibili del vitalizio scatenati. Dopo La Notizia diffidata la Camera. Lettera degli ex parlamentari ai vertici di Montecitorio. Che cercano la sponda della Procura di Roma

Diniego di giustizia. Volontà di non decidere. Pretestuosa esigenza istruttoria che maschera l’evidente “imbarazzo” del giudice. E, per finire, l’accusa peggiore: discriminazione persecutoria nei confronti degli ex deputati, “iniquamente penalizzati rispetto a qualunque altra categoria di cittadini”. Tanto da costringere all’elemosina “chi ha speso gran parte della propria vita al servizio delle istituzioni rappresentative”. Non gratis, d’accordo. E però. Nelle sei pagine di diffida che Antonello Falomi (nella foto), presidente dell’associazione degli ex parlamentari, ha inviato ieri a Montecitorio mancano solo gli schiaffi. Destinatari? Il presidente Roberto Fico, l’intero ufficio di presidenza e il Consiglio di Giurisdizione, il giudice interno della Camera, che deve decidere sui 1398 ricorsi presentati contro la delibera taglia-vitalizi del 2018. E, per conoscenza, l’ha ricevuta pure il sostituto procuratore della Repubblica di Roma Michele Prestipino.

La guerra tra …

 

Irriducibili del vitalizio scatenati. Dopo La Notizia diffidata la Camera. Lettera degli ex parlamentari ai vertici di Montecitorio. Che cercano la sponda della Procura di Roma

visita la pagina 

Lascia un commento