Pisa

La gloriosa storia delle Repubbliche marinare, da Pisa parte un percorso per valorizzarle

This content has been archived. It may no longer be relevant

#pisa

Oltre le regate e il palio remiero, al momento il patrimonio storico artistico che le Repubbliche marinare custodiscono verrà preservato e valorizzato al meglio. È quanto promette il protocollo che verrà promosso dal Comitato generale a loro dedicato.

Rivali per secoli nel dominio del Mediterraneo

Amalfi, Genova, Pisa e Venezia. Tra il X e il XIII secolo dominarono il Mediterraneo. Grazie ai commerci e alla posizione favorevole, conquistarono indipendenza e ricchezza, sottraendo agli arabi il monopolio nel mar Mediterraneo. Furono sempre rivali tra loro: Amalfi, la più antica, fu sconfitta da Pisa nel 1135, a sua volta battuta da Genova nella battaglia di Meloria del 1284, ma, diventata padrona del Mediterraneo, non riuscì a vincere su Venezia, la più longeva delle 4 Repubbliche.

Della storia delle signore dei mari restano tracce storiche profonde, tradizioni e riti popolari. I loro stemmi costituiscono l’emblema centrale della bandiera della Marina Militare Italiana. Al momento l’idea è quella di rinvigorirne lo splendore non solo tramite il Palio Remiero, ma pure con altri incontri dedicati e studiati per approfondire questo lungo periodo storico.

La sottoscrizione a Pisa

L’idea accreditata è di sottoscrivere il protocollo a Pisa, durante la 67 edizione del Palio remiero delle Antiche Repubbliche marinare, programmato domenica 11 settembre 2022 sulle acque dell’Arno (la seconda in un anno per recuperare l’edizione persa nel 2020). Sarà poi la volta di Venezia nel 2023, di Genova nel 2024 (in occasione delle feste per la Capitale Europea dello Sport) e poi  Amalfi nel 2025.


VEGN2395->> 2022-07-05 10:36:00