MondoSport

La notte romantica di Berlusconi e Galliani: il Milan ne fa quattro al Monza

La notte romantica di Berlusconi e Galliani: il Milan ne fa quattro al Monza 

MILANO – La crudeltà del tempo che passa ha non poco di romantico, se due anziani signori che tanto hanno dato al Milan lo hanno affrontato per la prima volta da avversari, a distanza, guardando in tivù uno stadio vuoto dentro una storia tutta piena. Berlusconi e Galliani contro il Milan: sarebbe come dire gli Agnelli contro la Juve o i Moratti contro l’Inter, invece è successo. Silvio Berlusconi è riuscito a farsi dare un tablet all’ospedale e ha visto Milan-Monza al San Raffaele, invece Adriano Galliani è rimasto a casa per precauzione, lui che non ha il Covid ma che lunedì è atteso da un tampone di controllo, e insomma l’età consiglia prudenza. Ma ha forse età, questa notte che è la più strana del mondo?

Ventinove trofei in trentuno anni di Milan. “Ma la trentesima vittoria di noi due nel calcio è stata la promozione in B del Monza”, ha detto Galliani prima di arrendersi all’assenza solo fisica dentro San Siro. “Mi piange il cuore non esserci, e Silvio è dispiaciuto quanto me. Vuol dire che la prossima volta affronteremo il Milan in serie A, l’anno prossimo. Stavolta i ragazzi hanno solo preso le misure al campo”. E lo hanno fatto coraggiosamente, giocando a lungo alla pari contro l’illustre avversario e cedendo solo nel finale (4-1). Chissà che salto nel letto e sulla poltrona, per Silvio e Adriano, quando Mattia Finotto che non è Van Basten e nemmeno Gullit ha saltato in pallonetto Donnarumma e ha pareggiato al 23′, anche se soltanto per poco, la rete…

Tags
Show More
Close