La tv in Italia, la ‘spaventosa macchina’ compie 65 anni

”La Rai, Radio televisione italiana, inizia oggi il suo regolare servizio di trasmissioni televisive”.

E’ il 3 gennaio del 1954, una domenica.

Siamo a Milano, in diretta dagli studi nuovi di zecca del Centro di Produzione di Corso Sempione.

Ed è con questa frase, affidata al sorriso rassicurante di Fulvia Colombo, che nasce ufficialmente la televisione italiana.

O almeno è da questa data che la tv, alla quale in Italia in un modo o nell’altro si lavorava dal lontano 1929, comincia le sue trasmissioni regolari.

Per il Belpaese, che ancora si lecca le ferite della guerra, è indubbiamente una rivoluzione, subito fotografata dalla Domenica del Corriere che all’arrivo dell’apparecchio tv nei tinelli della borghesia più agiata dedica una storica copertina firmata da Walter Molino.

Allora si trasmetteva in bianco e nero, la qualità del segnale non era entusiasmante…

LEGGI TUTTO
Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer