Cronaca

Lega, parla l’ex assessora: ‘Di Rubba uomo di fiducia di Salvini’

Lega, parla l’ex assessora: ‘Di Rubba uomo di fiducia di Salvini’ 

“Volevano vendere la sede della Lega di via Bellerio”. Luca Sostegni, il prestanome dei commercialisti leghisti, lo racconta nel suo terzo interrogatorio del 29 luglio scorso. Spiega come anche per la storica sede della Lega doveva replicarsi l’operazione dell’immobile di via Cormano, da destinare alla Lombardia Film Commission. Regista dell’operazione, su mandato dei vertici del Carroccio, ancora i commercialisti Michele Scillieri e Alberto Di Rubba, finiti ai domiciliari insieme al collega Andrea Manzoni. “Michele si vantava delle amicizie che aveva con Di Rubba e altri esponenti locali della Lega, tanto da avere ricevuto un incarico per cercare di vendere la sede della Lega di via Bellerio – racconta al procuratore Eugenio Fusco e al pm Stefano Civardi -. Ricordo che c’era fretta di concludere l’operazione, perché trattandosi di un immobile di proprietà della Lega Nord, si correva il rischio di sequestro della procura di Genova, in relazione alle indagini per la truffa sui rimborsi elettorali”.

Sostegni accompagna Scilllieri e l’architetto Federico Arnaboldi, per un sopralluogo in via Bellerio. “Di Rubba è venuto a prenderci e ci ha portato dentro, si è parlato della volumetria e della somma che si sperava di realizzare. L’intenzione era di vendere a un ipermercato. In realtà, viste le dimensioni dell’area, si pensava che una parte potesse essere adibita a supermercato e il resto poteva ospitare degli appartamenti. Ci siamo lasciati con l’intenzione di…

Tags
Show More
Close