Lucca

Lucca città della musica: come trasformare una passione in professione sulle orme di Puccini

This content has been archived. It may no longer be relevant

#lucca

La musica ha scandito la storia dell’umanità fin dai suoi albori, svolgendo un ruolo indispensable per le civiltà e le culture più disparate. La sua esistenza è attestata a partire da 55mila anni fa, con l’inizio del Paleolitico superiore, e da allora si è evoluta dando vita a una straordinaria varietà di generi e forme sonore. Oltre ad accompagnarci in molte attività quotidiane, come fonte di svago, divertimento, riposo, con conseguenti risvolti positivi sull’umore e sulla mente, la musica ha pure un’importante funzione sociale, grazie alla sua capacità di favorire l’inclusione e il superamento delle differenze.

In Toscana a vantare un’eccellente tradizione è senza dubbio la città di Lucca, dove le più antiche testimonianze di scuole musicali sono reperibili in fonti del VII secolo. Dalle piazze alle chiese, dai giardini e ai palazzi storici, così come a teatro e nei caffè, numerose sono i posti dove durante l’anno è probabile godere dell’arte dei suoni che si tramanda negli anni e che anche ora oggi viene coltivata con passione, tanto che l’insegnamento della musica riveste da sempre un ruolo cardine. Terra di interpreti e compositori di fama internazionale, Lucca ha dato i natali a figure come Giacomo Puccini, Alfredo Catalani e Luigi Boccherini.

Proprio a quest’ultimo, vissuto tra la metà del Settecento e l’inizio dell’Ottocento, è intitolato l’omonimo Istituto Superiore di Studi Musicali risalente al 1842. Nel 1999 la scuola è stata trasformata in istituzione del Comune di Lucca, avviando un percorso conclusosi poche settimane fa con la firma di una convenzione che ne ha sancito il definitivo passaggio a conservatorio statale, dopo che il pareggiamento era stato ottenuto nel settembre 1924. Una transizione epocale che ha visto riconosciuto il valore dell’offerta didattica e dell’organizzazione dell’Istituto Luigi Boccherini. I corsi accademici di I e II livello attirano tutti gli anni centinaia di studenti da tutto il pianeta, con le domande di iscrizione che puntualmente superano i posti disponibili.

Qui ha studiato Giacomo Puccini e, più ultimamente, si sono formati Andrea Bocell


VEGN2373->> 2022-06-29 16:15:00