Notizie

Lucravano sui funerali nei guai medico ematologo e necroforo Azienda sanitaria locale



Lucca, 30 marzo 2022 – Alimentavano con un giro di favori delle vere e proprie corsie preferenziali che andavano a privilegiare imprese di onoranze funebri. Tutto questo a scapito di aziende sane e delle famiglie su cui si lucrava. Queste le accuse per un sospetto giro di ‘funerali pilotati’ e di concorrenza sleale emerso dopo le inchieste della Questura e l’intervento della Squadra Mobile di Lucca.

Inchieste che hanno portato alla  sospensione dal servizio e dalla funzione pubblica nella provincia di Lucca di un medico ematologo accusato di violazione del dovere di imparzialità, riservatezza e correttezza della sua professione, svolta in una struttura privata convenzionata con il Sistema sanitario nazionale.

È stato pure sospeso dal servizio necroforo accusato di abuso d’ufficio. Il contitolare e un collaboratore di un’agenzia di onoranze funebri hanno ricevuto l’obbligo di presentazione periodica alla polizia giudiziaria. I lavoratori delle strutture sanitarie della provincia, strumentalizzando la propria posizione lavorativa, di concerto coi titolari delle imprese di onoranze funebri del versiliese, avrebbero indotto i familiari dei defunti a scegliere determinate aziende. Tutto era partito da un esposto presentato alla Procura di Lucca. 

Come riportato dalla polizia, il medico sarebbe stato corrotto da parte degli impiegati dell’agenzia mortuario per ottenere un servizio mortuario per una persona deceduta nella struttura sanitaria dove prestava servizio. L’inchiesta avrebbe portato altresi a scoprire che uno degli indagati avrebbe esercitato la professione sanitaria illegalmente, facilitato da professionisti però puntualmente iscritti. Le sei perquisizioni fatte hanno portato a sequestrare un ingente quantitativa di medicine, presidi sanitari e materiale informatico sulla cui provenienza sono in atto controlli.

Maurizio Costanzo


The post in italian is about:


L’article en italien concerne :