Luis Enrique sul calcio a porte chiuse Più triste che ballare con tua sorella”


Luis Enrique sul calcio a porte chiuse Più triste che ballare con tua sorella”

Dopo la Bundesliga, anche la Liga come Serie A e Premier, lavora per il ritorno in campo. In attesa delle decisioni ufficiali e di conoscere le date per il nuovo fischio d’inizio, l’unica certezza è che si tornerà a giocare a porte chiuse. Una situazione obbligatoria, ma che non piace al ct della Spagna Luis Enrique. L’ex tecnico della Roma, non ha usato mezzi termini per definire le nuove modalità per la ripresa del calcio: “Giocare a porte chiuse è più triste di ballare con tua sorella”.

Per tornare a giocare a calcio, al momento è obbligatorio chiudere le porte degli stadi ai tifosi, garantendo all’interno degli stessi la presenza di un numero di addetti ai lavori minimo indispensabile. Il ct della Spagna Luis Enrique, in maniera schietta come sempre ha commentato così la ripartenza del calcio a porte chiuse per ridurre al minimo il rischio di …

 

Luis Enrique sul calcio a porte chiuse Più triste che ballare con tua sorella”

visita la pagina