Politica

M5s, Di Maio: “Non tornerò capo politico, ma serve leadership forte”

M5s, Di Maio: “Non tornerò capo politico, ma serve leadership forte” 

Dopo aver lanciato ieri in Puglia più di una critica al modo in cui viene gestita la linea del Movimento in questi mesi, con la reggenza di Vito Crimi prolungata anche a causa dell’epidemia, e aver difeso il rapporto con il Pd sottolineando che le alleanze alle regionali “andavano gestite meglio”, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio torna sul tema della leadership. E, in un’intervista a Rtl, chiarisce che non si candida a riprendere in mano la guida del Movimento: “Non sto pensando di tornare capo politico, ma server una leadership forte”.

Politica

Regionali, Di Maio: “Nessuno provi a minare il governo e il rapporto col Pd. Le alleanze andavano coordinate meglio”

Fautore di una reggenza collegiale del M5s, contro la linea di Davide Casaleggio che spinge invece per il leader unico aprendo la strada a Di Battista, l’ex vicepremier sottolinea: “Quando mi sono dimesso a gennaio ho detto che speravo che le responsabilità potessero ricadere di più sulle spalle di più soggetti. Perché se la leadership è unica, poi gli altri si deresponsabilizzano”. Da dopo il voto su Rousseau di metà agosto, che ha sancito il superamento della regola dei due mandati e l’apertura alle alleanze sui territori, è andato sempre più aumentando il malcontento fra i parlamentari cinquestelle che mal digeriscono le ingerenze di Casaleggio sulla gestione politica Movimento. In questo…

Tags
Show More
Close