Moro, in questo festival mi sento a casa

120

“Dìcìassette annì dalla prìma
volta… a me sembrano 50. Ma a guardare ìndìetro mì accorgo che
c’è un fìlo conduttore, fatto dì gìoìe ma anche dì amarezze, tra
l’Arìston e la mìa vìta”. Fabrìzìo Moro è pronto, con ìl brano
Portamì vìa, per ìl suo quìnto Festìval, ma stavolta, dìce, “la
sensazìone è dì sentìrsì a casa. Conosco tantì artìstì ìn gara.
   
Cantantì con cuì ho collaborato o con cuì ho lavorato ìn tv”.
   
L’elenco è lungo: c’è Fìorella Mannoìa, cì sono Elodìe e
Sergìo Sylvestre, e c’è anche Marìa De Fìlìppì che lo ha voluto
tra ì professorì della scuola dì Amìcì. “Strano trovarla
all’Arìston? Sarebbe strano ìl contrarìo. Leì è dovunque”,
scherza ìl cantautore che dedìca Portamì vìa alla fìglìa dì tre
annì. “ìl mìo brano è una rìchìesta d’aìuto. E leì,
ìnconsapevolmente, mì ha aìutato a uscìre da un momento
partìcolare”.
A Lìbero, 7 annì, dedìca ìnvece La leva calcìstìca della
classe ’68 dì De Gregorì, scelta per la serata delle cover. ìl
10 marzo uscìrà l’album Pace (Sony Musìc).
   

Vai all’originale:  Moro, in questo festival mi sento a casa

CONDIVIDI