Notizie

Parrucchiere trovato privo di vita in una casa Caritas Aveva chiuso per la crisi

This content has been archived. It may no longer be relevant

Prato, 23 aprile 2022 – Se n’e andato da solo e in silenzio, il giorno di Pasqua nella camera di un appartamento condiviso con altri inquilini. Prato ha perso Giuseppe Del Re, chiamato da tutti “Beppe”, parrucchiere di via Settesoldi, un personaggio che la maggior parte hanno avuto modo di conoscere e apprezzare.

Beppe, dice chi lo conosceva, era un parrucchiere un po’ speciale, un signore che ha vissuto in semplicità, perdendo in passato quei treni del successo che avrebbero potuto portarlo chissà dove. Lunedì mattina l’aspettavano alcuni amici per la rituale camminata, ma Beppe non si e presentato all’incontro. Un disguido strano. Così hanno provato a chiamarlo ma lui non ha risposto.

“Essendo giorno di Pasquetta – racconta Domenico Rondinelli, uno degli amici – ho pensato che forse aveva qualche impegno, il giorno dopo ho riprovato, ma ancora niente. A quel punto ho chiamato il nucleo familiare”.

Mercoledì la drammatica scoperta: Beppe se n’era andato nel sonno, nella sua camera. Era deceduto gia da domenica e nessuno aveva bussato alla sua porta, non vedendolo uscire. Ultimo di ben quindici figli, Giuseppe Del Re era nato ad Altamura nel 1950 in una famiglia con modestissimi mezzi, così si ritrovò presto ad emigrare in Toscana.

Il canto era la sua passione e aveva partecipato pure al festival di Castrocaro riuscendo ad ottenere un buon piazzamento, ma per la mancanza di possibilità economiche non poté insistere il suo lavoro. Andava a lezioni di canto da Cesare Cesarini, autore di “Firenze Sogna” e, malgrado gli incoraggiamenti, Beppe decise di restare con i piedi per terra, dedicandosi al lavoro di parrucchiere.

In via Settesoldi e rimasto circa trent’anni, ma a febbraio, a seguito della crisi economica e dei tanti aumenti aveva chiuso l’azione. Beppe disponeva di una piccola pensione, si era staccato da anni dalla famiglia e l’unica soluzione per avere un tetto era quella camera affittata dalla Caritas.

Nel corso degli anni Novanta Beppe andava pure a fare la “stagione” come parrucchiere a Sanremo, nel festival della canzone, e fra le sue mani sono passati i capelli di tanti artisti: da Gianni Morandi a Fiorello per arrivare addiritura alla rockstar Madonna, in un lontano febbraio del 1995.

In negozio, fra un taglio e una piega, mostrava con orgoglio quelle fotografie con gli artisti di Sanremo. Beppe c’era sempre per tutti. Beppe, si può dire, ha vissuto “a costo zero”: non aveva grandi pretese e proprio per questo Domenico Rondinelli, l’amico geometra, gli ha dedicato uno struggente pensiero che in parte ne racconta pure la vita.

Recita così: “Cammina cammina e corre corre. Questo e il mio amico Beppe. Uno che ha sempre lavorato, mai un giorno di ferie, solo le feste comandate, ora te ne sei andato senza lasciare un biglietto, senza una celebrazione, sparito! E il tuo stile Beppe, non vuoi disturbare nessuno. Non amavi i dottori, né le visite, né i disturbi e così neanche in questo caso hai voluto approfittare di nessuno. Sempre sorridente, discreto, appartato, riservato ma socievole. Hai dato tanto amore a tanti e tante, amavi andare a cena con gli ultimi e pagavi te. Tu che i soldi li contavi. Egoista della vita, ma mai attaccato a nulla. Non ti sei portato via nulla e niente hai lasciato, sei uno che e entrato in punta di piedi con la chitarra a grande voce, testardo e a volte irriverente, ma sempre rispettoso e sereno e te ne sei andato così”. Come era suo desiderio, Beppe Del Re verrà cremato.

M. Serena Quercioli

 

 


The post in italian is about:


L’article en italien concerne :