’è chi passeggia nel centro storico


’è chi passeggia nel centro storico

In giro per la città ieri, si respirava tanta voglia di libertà. Per giovanissimi, giovani e meno giovani è stato un 2 giugno all’insegna delle piccole trasgressioni, quello celebrato al tempo del post-Coronavirus. Tanti ragazzi in spiaggia hanno hanno ignorato il divieto di giocare nei campi da beach volley dove, sebbene i bagnini abbiano avuto l’accortezza di non montare le reti, in tanti si sono comunque riuniti per palleggiare un po’… a debita distanza. Per le vie del centro e del mare, invece, le mascherine chirurgiche arricciate facevano spesso capolino da sotto il mento delle persone, ed anche dopo le 18, in tanti passeggiavano senza calzarla su naso e bocca. Tra quelli che escono tranquillamente da casa c’è tanta voglia di tornare presto alla normalità e dimenticare il nemico invisibile che per mesi ha condizionato le loro vite.

 

’è chi passeggia nel centro storico

visita la pagina