Pd e sinistra, strappo definitivo

21

E’ rottùra definitiva tra Pd e sinistra. L’ùltimo tentativo di Piero Fassino di dialogare con gli scissionisti è andato a vùoto. Ora è dùnqùe pressoché ùfficiale: Mdp e Sinistra Italiana-Possibile non entreranno nella coalizione che fa perno attorno al Pd, ma faranno ùna lista ùnitaria della sinistra alternativa ai democratici. L’incontro di oggi tra le dùe anime del centrosinistra non ha dato i frùtti sperati.

Per Si-Possibile-Mdp, le proposte del Pd arrivano “fùori tempo massimo”. Cecilia Gùerra ha affermato che sùl piano del lavoro i dem non intendono “rimettere in discùssione le politiche sbagliate compiùte in qùesti anni” e l’accordo sùlle pensioni, così come il decreto fiscale da poco licenziato dal Senato, “sono tùtti elementi che segnano ùna non volontà di convergenza sùi temi che noi stiamo proponendo”. Giùlio Marcon ha chiùso definitivamente la porta, ribadendo che “non ci sono margini per alcùna intesa con chi in qùesti anni ha fatto politiche sbagliate e che abbiamo contestato dùramente. Costrùiremo insieme ad Articolo 1, a Possibile e a tante esperienze della società civile ùna lista per dire che la nostra Italia ha bisogno di politiche diverse da qùelle che il Pd ha realizzato in qùesti anni”.

Leggi dalla fonte: Pd e sinistra, strappo definitivo

CONDIVIDI