Mondo

Perché ci siamo dimenticati di Greta

Perché ci siamo dimenticati di Greta 

Perché ci siamo dimenticati di Greta? E’ un po’ che me lo chiedo. Eppure ce ne sarebbero di motivi per parlare di Greta Thunberg e della sua battaglia per il clima. Prendete il maltempo di questi giorni nel Nord Italia: terribile, no? No, dicono alcuni, sono i soliti temporali estivi. Ma per molti questi sono molto peggio, Greta qualche giorno fa li ha anche condivisi sul suo profilo Twitter. Non si tratta di una esclusiva, figurarsi.

Lo fa con tutte le manifestazioni estreme del clima: c’è la siccità da qualche parte? Colpa del cambiamento climatico innescato dall’inquinamento e dal nostro stile di vita. Gli incendi? Idem. Le alluvioni? Certo. Alcuni, ancora, diranno, che queste cose ci sono sempre state. Ma la scienza dice che no, numeri alla mano, va sempre peggio e tra un po’ sarà troppo tardi. Insomma sarebbe il momento perfetto per ascoltare la voce tagliente di Greta Thunberg che ci indica la strada maestra e invece è come se l’adolescente che a dicembre è stata nominata “person of the year”, fosse diventata afona. Il coronavirus del covid-19 l’ha trasformata in un film muto. Non esagero.

A un certo punto, sarà stata metà estate, da qualche parte è venuto giù un ghiacciaio. Una cosa tremenda. Dieci mesi fa quell’immagine avrebbe fatto il giro del mondo, rimbalzando da una prima pagina all’altra con appelli a Greta, salvaci tu. E invece niente. Perché? Lo sappiamo tutti. Perché c’è il covid-19, perché la pandemia è un problema…

seguicicontrolla il post dal sito di origine
Tags
Show More
Close