Reddito di cittadinanza ai boss della ‘Ndrangheta la Gdf recupera 516mila euro

Reddito di cittadinanza ai boss della ‘Ndrangheta la Gdf recupera 516mila euro

Reddito di cittadinanza ai boss della ‘Ndrangheta. Con l’operazione “Mala Civitas” portata a termine oggi, la Guardia di Finanza di Reggio Calabria ha posto fine ad una vera e propria indecenza. Decine di esponenti della criminalità organizzata calabrese percepivano, indebitamente, il reddito di cittadinanza che ricordiamo è incompatibile con lo status di condannato definitivo per reati gravi come l’associazione mafiosa o il traffico di droga. Eppure, tra i beneficiari del sussidio c’erano personaggi che definire “pezzi grossi” è riduttivo, come il figlio di uno dei broker della ‘Ndrangheta più potenti di sempre.

L’operazione, condotta dalle Fiamme Gialle di Reggio Calabria, ha portato alla denuncia di 101 persone ed al recupero di 516mila euro. Tra i denunciati, come detto, spicca il nome di Alessandro Pannunzi, figlio del più noto Roberto “Bebè” Pannunzi, il broker della cocaina più famoso di tutti i tempi ora …

 

Reddito di cittadinanza ai boss della ‘Ndrangheta la Gdf recupera 516mila euro

visita la pagina 

Lascia un commento