Reggio Calabria, le cosche padrone del cimitero” 10 arresti, cè anche un funzionario comunale accusato di concorso esterno

Reggio Calabria, le cosche padrone del cimitero” 10 arresti, cè anche un funzionario comunale accusato di concorso esterno

L’inchiesta, coordinata dal procuratore Giovanni Bombardieri e dai sostituti della Dda Stefano Musolino e Sara Amerio, ha consentito di ricostruire gli assetti e le dinamiche criminali della cosca Rosmini, federata alla famiglia mafiosa dei Serraino, guidata dal “capo società” Franco Giordano che anni fa aveva subito un attentato

Sullo sfondo ci sono le frizioni tra la cosca Rosmini e gli Zindato per il controllo del territorio di Modena, un quartiere della zona sud di Reggio Calabria. Al centro dell’inchiesta “Cemetery boss”, invece, ci sono gli interessi economici della ‘ndrangheta nell’edilizia e il monopolio sui lavori al cimitero. L’ordinanza di custodia cautelare è scattata stamattina all’alba. La Squadra mobile ha arrestato 10 persone: 9 sono finiti in carcere con l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso. Il decimo, invece, è accusato di concorso esterno con le cosche. Si tratta del …

 

Reggio Calabria, le cosche padrone del cimitero” 10 arresti, cè anche un funzionario comunale accusato di concorso esterno

visita la pagina 

Lascia un commento