Notizie

Il ritorno della Belle Epoque viaggio musicale con l Orchestra Toscana



Progresso, innovazione, creatività. E’ un omaggio alla Ville Lumière e alla Belle Epoque il viaggio musicale che l’Orchestra Regionale Toscana dedica al Romanticismo e al Novecento storico. Una stagione di prosperità e raffinata spensieratezza che questa serata (ore 21) rivive al Teatro Verdi attraverso certune delle sue composizioni musicali più moderne e apprezzate. A dirigere l’ensemble, ci sarà sul podio il maestro Andrea Battistoni, il direttore d’orchestra più giovane scritturato alla Scala di Milano, bacchetta principale della Filarmonica di Tokyo. Il catalogo si presenta ricco e variegato: nel programma, due brani accomunati dallo spirito sperimentale e avanguardistico, il “Notturno” (1901) di Giuseppe Martucci, precursore ella rinascita sinfonica italiana, e “L’ di fuoco” (1910), la partitura per balletto ispirata ad una fiaba russa con cui Igor Stravinskij si presentò a Parigi. La serata va avanti con il “Divertimento per Fulvia” (1940), dedicato alla figlia da Alfredo Casella, uno dei compositori italiani più aperti verso la cultura europea, e la “Rapsodia su un tema di Paganini op.43” (1937), una pagina celebre dal forte impatto musicale scritta da Sergej Rachmaninov ispirandosi ai virtuosismi violinistici dei Capricci paganiniani. Nell’esecuzione, l’orchestra sarà accompagnata al piano dall’ucraino Vadym Kholodenko, uno degli artisti più dotati della sua generazione.

Giulio Aronica


The post in italian is about:


L’article en italien concerne :