Pisa

Sciopero nazionale dei taxi per 48 ore, Cna: “A Pisa grande adesione”

This content has been archived. It may no longer be relevant

#pisa

Redazione 04 luglio 2022 09:14

Per le 48 ore di martedì 5 e mercoledì 6 luglio è previsto uno sciopero nazionale dei taxi contro il ‘Ddl Concorrenza’. Pure parecchi tassisti pisani, rappresentati da Cna Pisa, incroceranno le braccia e andranno a Roma per protestare contro l’articolo 10 sull’adattamento dell’offerta di servizi alle forme di mobilità che si svolgono attraverso applicazioni web che utilizzano “piattaforme tecnologiche per l’interconnessione dei viaggiatori e dei conducenti”. L’associazione di categoria pisana prevede un’adesione elevata allo stop, ma resteranno garantiti i servizi essenziali come il trasporto in ospedale o i trasferimenti di urgenza.

Ad accedere dettagliatamente delle ragioni del fermo ci pensa il presidente Cna Taxi Pisa, Claudio Sbrana: “Siamo costretti, nostro malgrado, in un momento centrale di ripartenza del lavoro dopo 2 anni di stop causati dalla epidemia, a dichiarare il fermo nazionale di 48 ore della categoria taxi. Questo perché il Governo centrale è intenzionato a portare avanti il Ddl Concorrenza senza voler sentire ragioni sulle eventuali modifiche richieste da tutte le categorie”. Ciò che si teme è la concorrenza ritenuta non qualificata di altri grandi soggetti, che sfruttano app e tipologie di lavoro diverse dalle tradizionali licenze, di fatto liberalizzando il settore.

“Nello specifico – aggiunge Sbarana – l’esecutivo ha voluto inserire il servizio taxi nel Ddl Concorrenza senza tener conto che la legge Bolkestein non prevede la categoria taxi perché considerati servizio pubblico non di linea. Da alcune anni siamo fermi sulle medesime richieste che,


VEGN2395->> 2022-07-04 07:14:00