Scuola concorso senza crocette prova scritta dopo estate intesa traballa

Scuola concorso senza crocette prova scritta dopo estate intesa traballa

Il governo ha vissuto un altro weekend di paura. Questa volta ha rischiato di scivolare sul terrendo sdrucciolevole della scuola. Intorno al decreto scuola, palazzo Chigi ha rischiato l’ennesima spaccatura nella maggioranza. Alla fine è stato trovato nella notte l’accordo nella maggioranza sul concorso per la scuola. Resta la prova selettiva in entrata per l’assunzione di 32 mila insegnanti. Si terrà dopo l’estate e sarà in forma scritta, con con consegna di un elaborato, senza il quiz a risposta chiusa. Soddisfazione è stata espressa da parte del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Si tratta, fanno sapere da Palazzo Chigi, di “una soluzione che permette di combattere il precariato garantendo la meritocrazia”. “Bene la soluzione sul concorso straordinario per la scuola”, sottolinea il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina che si definisce, dunque, “soddisfatta”. Ma in serata è arrivata la doccia fredda, perché Matteo Orfini, già presidente del Pd, ha spiegato …

 

Scuola concorso senza crocette prova scritta dopo estate intesa traballa

visita la pagina 

Lascia un commento