Sequestrate a Genova otto tonnellate di cibo ‘taroccato’

 Maxi sequestro di cibo contraffatto al porto di Genova.

La guardia di finanza e l’Agenzia delle dogane hanno scoperto, presso il bacino di Prà, otto tonnellate di alimenti provenienti dalle Filippine e destinate a un grossista lombardo.

I prodotti avevano il marchio Parmesan, nome evocativo del parmigiano, eccellenza alimentare italiana.

I preparati alimentari sono stati ritirati dal mercato anche perché potenzialmente pericolosi per la salute.

Il legale rappresentante della società importatrice, di origini cinesi, è stato denunciato, mentre la medesima società è stata segnalata per fatti costituenti reato della normativa in tema di…
Leggi anche altri post Regionali o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer