Notizie

Serie A2 – Assigeco Piacenza vs Pistoia sfida alla 1ª nell’anticipo del sabato

Scaldati i muscoli con gli incontri della ripartenza della stagione a gennaio, l’UCC Assigeco Piacenza deve alzare di parecchio il livello di attenzione e rendimento durante febbraio, caratterizzato dalle sfide seriali alle prime della classe.

blank

Il team di Stefano Salieri comincia il “tour del sudore” nell’anticipo di sabato sera al “PalaBanca” con il confronto con la Giorgio Tesi Group Pistoia (palla a due alle 20.30) capolista del girone a braccetto con Udine.

Le conversazioni di Salieri

«Iniziamo un ciclo durissimo e probante ma al tempo stesso super stimolante con una gara molto difficile contro Pistoia che arriva forte di una zona aperta di quattro successi che l’ha meritatamente catapultato in testa alla classifica. Dobbiamo concentrarci su una gara alla volta con la massima determinazione contando sulla fiducia e la sana incoscienza di chi crede nel proprio lavoro e nelle proprie capacità. Questa serata dovremo però fare un indispensabile e ulteriore step riguardo a ritmo e intensità difensiva».

Il dubbio sulla presenza di Galmarini, per problemi al tendine, crea un minimo di apprensione nello spogliatoio biancorossoblu

«C’e bisogno dell’apporto di tutti per fronteggiare atletismo straripante e fisicità: le qualità principali della squadra toscana, oltre a un’eccellente organizzazione di gioco. Vista dal lato tecnico, per noi, diventa indispensable reggere la forza d’urto a rimbalzo degli avversari e limitare il loro contropiede gestendo nel modo migliore i ritmi della serata e, allo stesso tempo, rivolgere a muovere bene la palla per riuscire a scalfirne con efficacia la solidità difensiva. Sebbene dobbiamo crescere ancora, fisicamente siamo a buon punto. Lavoriamo duro tutti i giorni per essere più performanti. La fase post Coronavirus e stata superata grazie al buon atteggiamento e all’intervento certosino dello staff medico e tecnico».

Anche ora il coach biancorossoblu

«Siamo in un club dove c’e tenacia e organizzazione, guidata da un presidente che ci segue con passione, amore e presenza costante. Sono tutte componenti che ci spingono a dare il in modo migliore di noi stessi e rappresentano un ulteriore propellente per la seconda parte della stagione. Ogni gara deve essere affrontata come se fosse una finale, con la volontà e la convinzione di stupire».

Lorenzo Deri, play Assigeco Piacenza

«Ci aspetta una gara tosta. Affrontiamo una delle principali protagoniste dell’intera A2. Memori di quanto visto all’andata dobbiamo tirare fuori tutto il nostro coraggio, spirito di gruppo e concupiscenza di vincere per fronteggiare l’impatto di una squadra molto forte vista dal lato fisico e atletico. Servirà pure tanta attenzione alla fase di costruzione di gioco. Da gestire con bilanciamento limitando gli errori. Unità a energia difensiva per frenare le caratteristiche individuali degli avversari e la loro capacità di correre il campo».