Sicilia, arrestato per corruzione il coordinatore per lemergenza Covid mazzette su appalti sanità

Sicilia, arrestato per corruzione il coordinatore per lemergenza Covid mazzette su appalti sanità

Antonino Candela, coordinatore per l’emergenza Coronavirus in Sicilia, è finito agli arresti domiciliari in seguito a un’operazione della Guardia di finanza su alcuni appalti pubblici milionari sulla sanità. Candela è stato commissario straordinario e direttore generale dell’Asp 6 di Palermo, prima di diventare coordinatore della struttura regionale per l’emergenza Covid-19 in Sicilia. Proprio per alcune gare indette dall’Asp di Palermo sarebbe finito al centro di un giro di mazzette. L’inchiesta riguarda appalti per 600 milioni di euro, coinvolgendo alcuni manager regionali, faccendieri e imprenditori. L’inchiesta è stata denominata ‘Sorella sanità’ ed è stata coordinata dalla procura di Palermo. Nelle ultime ore sono state eseguite 12 misure, tra cui anche quella a carico del manager dell’Asp di Trapani, oltre che di Candela.

L’indagine si è concentrata su quattro procedure ad evidenza pubblica, interessate da condotte di …

 

Sicilia, arrestato per corruzione il coordinatore per lemergenza Covid mazzette su appalti sanità

visita la pagina 

Lascia un commento