Notizie

Siena nastri verdi per dire no alla guerra degli studenti della Cecco



Siena, 5 aprile 2022 – Tutti parlano di pace ma nessuno educa alla pace. A questo mondo, si educa per la competizione, e la competizione e l’apertura di ogni guerra. Quando si educherà per la cooperazione e per offrirci l’un l’altro solidarietà, quel giorno si starà educando per la pace (Maria Montessori)

 

la guerra e l’argomento di una complicata lezione di storia, il punto di massimo pathos di un epico o viene percepita come qualche cosa che riguarda popoli e territori così lontani dalla nostra realtà da richiedere un grande sforzo di consapevolezza, per ricordarsi che non si tratta di finzione. Dal 24 febbraio però questo stato di cose e all’improvviso crollato sotto le terribili immagini dell’invasione russa in Ukraine che sono violentemente irrotte nelle nostre case, coinvolgendo luoghi noti e persone conosciute in 1ª persona, oltre che paventando terribili conseguenze per tutta l’Europa: di colpo il nostro continente ( e il pianeta intero) ha fatto un salto indietro di quasi settant’anni.

Come insegnanti ed educatori, ci siamo subito chiesti come poter aiutare i nostri studenti a comprendere e fronteggiare questo nuovo scossone, che, dopo due anni di epidemia, arriva a sconvolgere le loro vite: e per cio, oltre alle lezioni e alle discussioni in classe, la Scuola Secondaria di 1º Grado “Cecco Angiolieri” a deciso di promuovere certune iniziative in questo senso.

In quest’ottica e stato invitato a tenere un incontro con le classi seconde e terze il professor Raffaele Ascheri, nostro insegnante di Lettere e Presidente della Biblioteca Comunale degli Intronati, il quale ha spiegato le cause storiche ed economiche dietro l’attacco russo in Ukraine e ha risposto ai dubbi dei nostri studenti, che sono stati molto interessati e ben felici di ricevere gli strumenti per capire gli avvenimenti di questi giorni.

Tutte le classi sono state poi interessate in una manifestazione simbolica a favore della pace: seguendo l’esempio di molte città, pure i nostri studenti hanno legato all’entrata della scuola dei nastri verdi per gridare il loro “no alla guerra”. Un piccolo gesto, e vero, ma fatto con grande consapevolezza e che, proprio per questo, ha entusiasmato i ragazzi e le ragazze della Cecco, che hanno cordiale di fare qualche cosa di tangibile e di poterlo mostrare a tutti. 

L’impegno dell’IC Cecco Angiolieri non finisce qui, per il fatto che, sotto la guida della nostra dirigente scolastica Annalisa Nencini, si e preparato un Protocollo di Accoglienza nel caso dove bimbi e ragazzi provenienti dall’Ukraine dovessero iscriversi nel nostro Istituto, un documento che non mira soltanto alla didattica, ma pure e oltretutto all’inclusione in un ambiente sereno e accogliente che ribadisca il ruolo della scuola come 1º baluardo per il mantenimento della pace e della collaborazione.

 


The post in italian is about:


L’article en italien concerne :